Udine / Grado

59 km

4:00 ore

Caratteristiche della tappa

Partendo dalla veneziana piazza Libertà, cuore di Udine, poi seguendo una strada sterrata che porta a Pradamano, attraverso storiche viuzze si passa davanti a Villa Ottelio. Poi si sfiorano Lovaria, Pavia di Udine, Selvuzzis e Villa Deciani quindi Villa Florio a Persereano e Villa Agricola del Torso a Tissano. Lungo il percorso si entra a Palmanova città fortificata dalla pianta stellata edificata dai veneziani. Da qui si punta verso il mare, passando prima da Strassoldo, borgo medioevale con due castelli. A Cervignano si consiglia di seguire le indicazioni stradali per Grado fino a ritrovare la ciclovia che, lambendo Terzo, porta alla città romana di Aquileia. Visitata Aquileia, si riprende a pedalare sulla pista ciclabile realizzata sopra la vecchia ferrovia fino ai ruderi della stazione di Belvedere da qui, sulla splendida panoramica in mezzo alla laguna si giunge a Grado.

Punto di partenza

Udine

Punto di arrivo

Grado

Distanza Percorsa

59 km

Tempo di percorrenza

4:00 ore

Difficoltà Percorso

Tutte le età

Dislivello

-312 m

Tipo di strada

Misto

Principali punti di interesse

Lasciata Udine i punti di interesse sono le storiche ville padronali che ne costellano la campagna verso il mare come Villa Ottelio, il borgo di Selvuzzis con Villa Deciani, Villa Florio a Persereano o Villa Agricola del Torso a Tissano. Palmanova merita una visita di bastioni e fortificazioni. Strassoldo: pittoresco borgo medioevale caratterizzato dalla presenza di due castelli, e attraversato da corsi d’acqua di risorgiva. Aquileia, la capitale storica del Friuli, considerata un tempo la seconda Roma: il suo centro archeologico è più grande dell’Italia settentrionale e offre la possibilità di visitare scavi recentissimi. Mentre si attraversa l’indimenticabile pista ciclabile che attraversa la laguna di Grado si scorge il profilo del suggestivo santuario mariano di Barbana edificato su di un’isola. Il centro storico di Grado è un gioiello di sovrapposizioni storiche e architettoniche.

empty

Sala della rimembranza della Brigata Alpina Julia - Udine

La formazione militare Brigata Alpina Julia è una delle più amate dalla gente. Per conoscerne la storia eroica si piò visitare il piccolo museo ospitato dal chiostro dell'ex Convento di S.Agostino, ora Caserma degli Alpini.

© www.ciclovia-alpeadria-radweg.eu

Udine

Questa città considerata la capitale del Friuli, è da sempre un centro commerciale molto animato, caratterizzato da un'ospitalità molto cordiale e ben conosciuta anche grazie alle sue rinomate osterie dove si beve buon vino e si mangiano prelibatezze.

empty

Museo friulano della fotografia - Udine

Se si vuole conoscere Udine e i suoi abitanti com'erano la visita al museo è una fermata obbligata: il Museo friulano della fotografia, si trova al III piano del Castello di Udine.

empty

Museo Archeologico - Udine

Recenti scavi stanno anticipando la data della fondazione della città. Ma in questo museo si possono già scoprire interessanti reperti sulla storia più antica di Udine.

empty

Galleria d’arte antica - Udine

In questa pinacoteca si possono scoprire veri e propri capolavori dell'arte italiana. Con qualche chicca davvero preziosa tutta da scoprire. L'esposizione è ospitata dalle sale del Castello e sicuramente merita una attenta visita.

© www.ciclovia-alpeadria-radweg.eu

Piazza Libertà di Udine

Un capolavoro di venezianità: dalla loggia del Lionello al loggiato di San Giovanni al portale di accesso al Castello la cui imponente sagoma domina bonariamente sulla piazza. Dicono sia una delle più belle d'Italia.

© www.ciclovia-alpeadria-radweg.eu

Museo Diocesano e Gallerie del Tiepolo

Tiepolo passò così tanti anni a Udine e produsse così tante opere che alla città fu dato l'appellativo di Città del Tiepolo. In queste sale è possibile ammirare una ricca collezione delle sue opere.

empty

Palazzo Arcivescovile di Udine

Fu anche palazzo del Patriarca, quando questi lasciata prima Aquileia e poi Cividale si insediarono a Udine. È un palazzo storico di grande intensità che merita una visita assolutamente.

© www.ciclovia-alpeadria-radweg.eu

Casa Cavazzini. museo d'arte moderna e contemporanea

È il museo d'arte contemporanea della città con una sua splendida collezione stabile e mostre temporanee di grande attrazione. Il comune ha deciso di ampliarlo per farne un polo museale di livello internazionale.

© www.ciclovia-alpeadria-radweg.eu

Oratorio della Purità di Udine

Un gioiello nascosto fra i palazzi al cui interno si respira la potenza e la bellezza del barocco. L'Oratorio della Purità si trova a lato del Duomo di Udine verso sud all'incrocio con via San Francesco.

© www.ciclovia-alpeadria-radweg.eu

Museo del Duomo – Cattedrale di Udine

Il museo del duomo ha una dedicata particolare: infatti è dedicato al Patriarca Beato Bertrando di Saint-Geniès le cui spoglie riposano fra le navate del Duomo. Il museo si sviluppa fra le cappelle di San Nicolò e del Corpo di Cristo e nel contiguo battistero.

© www.ciclovia-alpeadria-radweg.eu

Il Duomo di Udine

Il Duomo di Udine è un imponente edificio gotico medievale, la cui austera bellezza affascina il visitatore.

© www.ciclovia-alpeadria-radweg.eu

Palazzo Valvason Morpurgo

Oggi è sede della sezione dedicata all'architettura e al designe della Galleria d'Arte Moderna. Ospita spesso mostre temporanee su questi temi. Ma la sua bellezza merita una visita: il suo cortile apre sul mondo di pace e serenità rappresentato dal suo piccolo ma delizioso giardino barocco interno.

© www.ciclovia-alpeadria-radweg.eu

Museo Etnografico del Friuli

Se si vuole conoscere la storia della popolazione friulana questo è il posto giusto. Collocato nello storico Palazzo Giacomelli appena restaurato è uno dei simboli del pittoresco e medievale Borgo Grazzano.

© www.ciclovia-alpeadria-radweg.eu

Pradamano

Un borgo alle porte di Udine il cui centro storico è dominato da una villa padronale. Si respira già l'aria della campagna friulana.

© www.ciclovia-alpeadria-radweg.eu

Pavia di Udine

Le atmosfere si fanno decisamente campagnole. Ville padronali, ampi ed estesi campi. Pedalare qui è un vero piacere.

© www.ciclovia-alpeadria-radweg.eu

Santa Maria La Longa

Acquartierato con i compagni in una pausa dei combattimenti sul fronte orientale, qui Giuseppe Ungaretti, premio Nobel e fra i massimi poeti del Novecento italiano, scrisse alcune delle sue liriche più intense.

© www.ciclovia-alpeadria-radweg.eu

Le tre porte monumentali di Palmanova

Fortezza voluta da Venezia come monito per Turchi e Impero d’Austria l’inespugnata fortezza ha la forma di una stella a nove punte. I suoi bastioni sono visitabili. Ha solo tre accessi e sono le tre sono le porte di accesso alla città. Costituiscono gli unici edifici che possono essere visti dall'esterno della fortezza.

empty

Caserma Montesanto di Palmanova

Palmanova era una città militare, abitata in prevalenza da militari. E questo per secoli. Non è scontato quindi che appena entrati in città da Porta Udine ci si imbatta nella caserma Montesanto.

empty

Museo Civico Storico di Palmanova

Situato nello storico palazzo Trevisan è uno dei luoghi più significativi della Città Fortezza di Palmanova e le sue particolarissime fortificazioni.

© www.ciclovia-alpeadria-radweg.eu

Duomo Dogale di Palmanova

Palmanova fu città dogale, e per questo il suo duomo è molto particolare: imponente, austero, potente. Esattamente come lo era la Serenissima Repubblica di Venezia.

© www.ciclovia-alpeadria-radweg.eu

Palmanova

La sua progettazione è di carattere strettamente militare: una fortezza inespugnabile in mezzo alla pianura che vide in passato le scorribande di Turchi e tanti altri invasori. Oggi è una placida e soleggiata cittadina dalla vita pacifica e laboriosa.

© www.ciclovia-alpeadria-radweg.eu

Piazza Grande di Palmanova

Questa un tempo era una piazza d'armi: ovvero il luogo dove i soldati di stanza a Palmanova si riunivano a facevano le esercitazioni militari. Oggi è una soleggiatissima piazza sulla quale si tengono concerti, mercati e manifestazioni.

© www.ciclovia-alpeadria-radweg.eu

Museo storico militare di Palmanova

Come ci può essere una città militare senza un museo della sua storia militare? Ovviamente la lunga storia degli eserciti che hanno vissuto questa città la si può trovare nel Museo Storico militare.

empty

Le polveriere napoleoniche di Palmanova

Costruite dai veneziani per riporvi la polvere da sparo hanno poi preso il nome dal generale francese che con le sue armate passo di qui nella sua campagna d'Italia.

© www.ciclovia-alpeadria-radweg.eu

Bagnaria Arsa

Piccolo borgo contadino appena fuori le mura di Palmanova. Una delle sue curiosità sta proprio nell'ossimoro del nome che mette insieme l'acqua delle risorgive con il fuoco.

© www.ciclovia-alpeadria-radweg.eu

Castello e Borgo di Strassoldo di Sopra

Strassoldo è un piccolo e stupendo borgo caratterizzato da tante acque di risorgiva che lo attraversano e da ben due castelli ancora abitati da famiglie di nobile stirpe. Vi si tengono pittoresche manifestazioni in primavera. Da visitare.

© www.ciclovia-alpeadria-radweg.eu

Cervignano del Friuli

È una città moderna e laboriosa cresciuta attorno al suo scalo ferroviario. Un po' metropolitanta un p' campagnola: però fra le pieghe della sua storia di incontrano personaggi illustri, come Gabriele D'Annunzio.

© www.ciclovia-alpeadria-radweg.eu

Terzo d'Aquileia

Il suo nome deriva dalla numerazione latina e questo ci fa supporre che qui ci fosse un antico insediamento romano quando Aquileia era grande. Oggi è un villaggio immerso nella campagna e fra le vigne di una rinomata DOC vinicola.

© www.ciclovia-alpeadria-radweg.eu

Area archeologica di Aquileia

Questa è una delle aree archeologiche più grandi del bacino adriatico. Aquileia fu considerata la seconda Roma e, nonostante continue campagne di scavi la maggior parte dei suoi tesori sono ancora celati sotto terra. Recentemente sono state aperte al pubblico nuove aree archeologiche: tutte da scoprire.

© www.ciclovia-alpeadria-radweg.eu

Basilica e Campanile di Aquileia

Sotto a quella che si vede oggi ci sono almeno altre tre chiese. La più antica era un luogo sacro ai culti giudaico cristiani che caratterizzarono fin dalla sua apparizione il cristianesimo aquileiese, che ricordiamolo fu anche scismatico. Vista imperdibile dal campanile.

© www.ciclovia-alpeadria-radweg.eu

Aquileia

Patrimonio dell'Unesco merita una visita lunga e accurata perché mostra tesori romani, cristiani, medievali, contemporanei. Una stratificazione culturale unica e irripetibile che va da Roma alla Prima Guerra Mondiale.

© www.ciclovia-alpeadria-radweg.eu

Museo Archeologico Nazionale di Aquileia

Un gioiello ricco di reperti romani conservati in modo straordinario che danno la misura della grandezza della città che fu seconda Roma.

empty

Marina di Aquileia

Una piccola marina che racchiude tutto il fascino di questo angolo di Friuli caratterizzato dal suo stretto legame con la laguna.

© www.ciclovia-alpeadria-radweg.eu

Grado, l'Isola d'oro

Località turistica tradizionalmente legata all'Austria: i suoi legami con la cultura viennese sono fortissimi. Però si mescolano in modo caratteristico con la tradizione marinaria e con la cultura veneziana.

© www.ciclovia-alpeadria-radweg.eu

Santuario di Santa Maria delle Grazie

L'atmosfera mistica che vi si respira, la bellezza dei preziosi mosaici ne faranno la meta di una silenziosa e indimenticabile visita.

© www.ciclovia-alpeadria-radweg.eu

Basilica di Sant'Eufemia di Grado

Quando Aquileia fu distrutta da Attila i patriarchi si trasferirono in questa sede che, anche nei secoli successivi mantenne, grazie a Venezia, il titolo patriarcale.

© www.ciclovia-alpeadria-radweg.eu

Lapidario di Grado

La lunga e ricca storia gradese può essere letta anche attraverso la visita a questa raccolta di reperti che narrano le vite passate di questa splendida località.

© www.ciclovia-alpeadria-radweg.eu

Battistero di Grado

Sicuramente meno imponente di quello aquileiese, ma certamente ricco di storia e fascino, il battistero accanto alla basilica patriarcale non può che essere incluso in una visita al centro storico di Grado.

© www.ciclovia-alpeadria-radweg.eu

I resti archeologici Basilica della Corte, Grado

Sotto alla piazza che oggi è intitolata al più grande poeta gradese ci sono i resti di un'altra basilica, detta della Corte, le cui vestigia danno il senso della vivacità del centro cittadino in epoca medievale.

© www.ciclovia-alpeadria-radweg.eu

Terme Marine di Grado

Uno spazio bellissimo con affaccio diretto sul mare: conosciute fin dai tempi di Sissi (chiaramente con tante evoluzioni) sono uno dei luoghi più amati dai gradesi e dai turisti.

© www.ciclovia-alpeadria-radweg.eu

Parco delle Rose

In pieno centro si aprono i cancelli di questo parco meraviglioso, che costeggia il mare e porta alle terme, dentro al quale, all'ombra di pini marittimi centenari si può passeggiare o assistere a eventi musicali e culturali.

© www.ciclovia-alpeadria-radweg.eu

Parco termale acquatico, Grado

Per i più piccoli e per i grandi che non sono mai cresciuti, un'attrazione unica fatta di piscine, trampolini, giochi d'acqua: un modo diverso e divertente per godere del sole e del mare di Grado.

© www.ciclovia-alpeadria-radweg.eu

Spiaggia principale

Vi si accede dal centro cittadino o dal parco delle Rose: quindi un luogo di villeggiatura caratteristico proprio al centro della città, conosciuto per le qualità benefiche della sua sabbia dorata.

© www.ciclovia-alpeadria-radweg.eu

Santuario dell'Isola di Barbana, Grado

È un luogo mistico che sorge in mezzo alla laguna, meta ogni anno di una suggestiva processione di barche. Qui la storia e la fede si incrociano e si rafforzano. Si visita prendendo il battello da Grado.

© www.ciclovia-alpeadria-radweg.eu

Laguna di Grado

Si tratta di un'ecosistema di rara bellezza, che ospita specie animali e flora particolare. Ma soprattutto è la splendida cornice della città di Grado, e offre scorci romantici e indimenticabili. La si può visitare in battello.

© www.ciclovia-alpeadria-radweg.eu

Riserva Naturale della Valle Cavanata

Riserva naturale protetta con un centro di osservazione molto bello dal quale avvistare specie rare di volatili. È possiible visitarla con più percorsi adatti a tutti. Grandi e bambini la troveranno un luogo indimenticabile.

© www.ciclovia-alpeadria-radweg.eu

Riserva Naturale della Foce dell'Isonzo

Alla foce de fiume Isonzo si estende una vasta riserva naturale protetta che si raggiunge attraverso piste ciclabili (ma anche in auto o via mare). Dal Centro visite della riserva è possibile ammirare colonie di uccelli migratori che ogni anno passano di qui.

Pianifica il viaggio on demand

Una piattaforma semplice e intuitiva per scegliere quanta strada fare e quando.

Assistenza continua

Siamo al tuo fianco dal principio alla fine del tuo viaggio. E anche dopo.

Prenota in modo sicuro

Ogni passaggio è chiaro e intuitivo, e le soluzioni sono tutte flessibili e personalizzabili.

Italian style

Le nostre e-bike sono il top level del made in Italy per un viaggio in pieno comfort.

Prenota la tua e-Bike

Controlla la disponibilità delle nostre e-bike.
Seleziona un luogo di ritiro ed uno per la consegna, inserisci le date e l’ora.
Avvia la ricerca e seleziona il tuo modello preferito, aggiungi gli accessori di cui avrai bisogno.
A tutto il resto pensiamo noi!

Controlla disponibilità delle eBikes

  • Available
  • Unavailable