Venzone / Udine

55 km

4:00 ore

Caratteristiche della tappa

Seguendo il tracciato ufficiale o la sponda destra del fiume Tagliamento si giunge a Gemona, cittadella medievale. Il tracciato ufficiale della Ciclovia porta poi all’argine del Tagliamento in prossimità del ponte di Braulins e poi punta verso sud raggiungendo Osoppo e il suo caratteristico colle. In seguito la ciclovia prosegue verso il Parco del Tagliamento entrando poi nella zona delle risorgive di Bars. Pedalando ancora si arriva a Buja e alle colline moreniche: una delle zone più belle del Friuli. Proseguendo prevalentemente su piste ciclabili, si giunge al Parco del Cormor, e da qui, su piste ciclabili il centro del capoluogo del Friuli: Udine. La città merita una visita alla scoperta di storici palazzi veneziani e del castello che custodiscono la più ampia collezione di affreschi di GiovanBattista Tiepolo uno dei più importanti pittori italiani del Settecento.

Punto di partenza

Venzone

Punto di arrivo

Udine

Distanza Percorsa

55 km

Tempo di percorrenza

4:00 ore

Difficoltà Percorso

Media

Dislivello

-541 m

Tipo di strada

Asfalto

Principali punti di interesse

Imperdibile la visita al duomo e al castello di Gemona. Il Tagliamento è l’ultimo fiume non antropizzato d’Europa. Sulla rocca di Osoppo svetta il trono di Attila, dove sedette anche Napoleone. Il Parco del Tagliamento ha ampie strade bianche che attraversano prati stabili, contornati da siepi e boschi ricchi di numerose specie di orchidee selvatiche. Dopo le risorgive di Bars, riconoscibili dai boschi più fitti si prosegue fra estesi prati che lasciano spaziare la vista sull’ampia pianura. Le colline moreniche sono dolci pendii ricoperti da boschi, costellate di borghi rurali, chiese, storiche ville padronali e antichi manieri. Il Parco del Cormor è il polmone verde del capoluogo friulano. In città i punti d’interesse sono tantissimi: pittorici, culturali e architettonici, ma anche più frivoli, come i suoi rinomati negozi e la sua infinita varietà di luoghi di ristoro e degustazione.

© www.ciclovia-alpeadria-radweg.eu

Museo Tiere Motus di Venzone

Le sale del cinquecentesto Palazzo Orgnani-Martina, nel centro storico di Venzone, ospitano la singolare mostra "TIare Motus" dedicata al catastrofico sisma del 1976. C'è anche una pedana che permette di provare l'eperienza del terremoto.

© www.ciclovia-alpeadria-radweg.eu

Venzone

Uno dei borghi medievali più belli d’Italia, interamente e magnificamente ricostruito dopo il catastrofico sisma del 1976. Le mura mantengono intatto il fascino medievale. Le vie del paese hanno un fascino indescrivibile. Il duomo medievale è stato completamente ricostruito dopo il sisma del 1976 utilizzando le tecniche architettoniche medievali.

© www.ciclovia-alpeadria-radweg.eu

Mummie di Venzone

Antichi abitanti di Venzone, che il suolo a preservato quasi interamente e che ci aprono al fascino, un po’ macabro, della riscoperta del passato.

© www.ciclovia-alpeadria-radweg.eu

Museo della pieve e tesoro del duomo – Gemona del Friuli

La canonica di Gemona del Friuli del 1360 accoglie il nuovo Museo della Pieve e Tesoro del Duomo e l'Archivio storico plebanale che custodisce i più antichi registri battesimali conosciuti (a partire dal 1379).

© www.ciclovia-alpeadria-radweg.eu

Bordano

È il paese delle farfalle: habitat unico per ammirarne di tutti i tipi e colori, ospita anche La Casa delle Farfalle, un vero e proprio museo vivente delle farfalle.

© www.ciclovia-alpeadria-radweg.eu

Lago di Cavazzo

È un lago naturale, il più lungo del FVG con i suoi 6500 metri di llunghezza e ha la caratteristica di lambire, ben tre comuni, Cavazzo Carnico, Bordano e Trasaghis. Ci si prende il sole o si può fare scuola di vela grazie ai venti costanti.

© www.ciclovia-alpeadria-radweg.eu

Ecomuseo delle Acque del Gemonese

Si tratta di un museo diffuso, una formula particolare di esposizione che si vistita percorrendo un'intera area ricchissima di ambienti umidi.

© www.ciclovia-alpeadria-radweg.eu

Gemona del Friuli

Simbolo del carattere friulano, tenace e laborioso, è dominata da un maestoso duomo ricostruito dopo il terremoto del 1976. Singolare la navata: il sisma ha spostato la piattaforma rocciosa sulla quale sorge il duomo: guardando le colonne interne si scopre che non sono più allineate: questo dà l'evidenza della potenza delle scosse.

© www.ciclovia-alpeadria-radweg.eu

Museo Civico Palazzo Elti - Gemona del Friuli

La storia della cittadina medievale si può conoscere visitando le sale di questo museo che si trova nel ricostruito palazzo Elti di Gemona distrutto dal terremoto del 1976.

© www.ciclovia-alpeadria-radweg.eu

Ex-Chiesa di San Michele - Gemona

La Chiesa di San Michele, dove oggi si trova l'Affrescoteca di Gemona, fu costruita dentro le mura della città nel 1447 e consacrata tre anni più tardi. Tra 1884-1885 fu oggetto di demolizione per essere poi ricostruita fuori la cinta muraria.

© www.ciclovia-alpeadria-radweg.eu

Trasaghis

Piccolo borgo il cui nome ricorda la presenza dell'acqua e suo attraversamento. Nel suo territorio vi è il famoso lago dei tre comuni.

© www.ciclovia-alpeadria-radweg.eu

Fortezza di Osoppo

La leggenda narra che dalla sua cima Attila guardò bruciare Aquileia, mentre il giovane generale Napoleone Bonaparte guardò il Friuli appena conquistato.

empty

Chiesa di Santa Maria ad Nives

Sorta dove poco dopo il 1.200 c'era un monastero, custodisce tesori pittorici di grande pregio di Pellegrino Da San Daniele e Pomponio Amalteo.

© www.ciclovia-alpeadria-radweg.eu

Osoppo

Si dice che anticamente furono i celti ad abitare questo luogo. Poi vennero i romani. Al centro del suo territorio la sua singolare rocca che fu punto d'osservazione: dalla sua sommità si domina tutta la pianura.

empty

Chiesa di San Rocco - Osoppo

Si tratta di un'antica chiesa dedicata a San Rocco, posta all'estremità sud del colle di Osoppo, presenta un annesso antico romitorio. Si può visitare solo l'esterno ma il luogo è mistico.

© www.ciclovia-alpeadria-radweg.eu

Museo d’arte della medaglia

Questo paese ha una lunga tradizione di incisori di qualità. Al punto da essere conosciuto come il paese delle medaglie. E qui si trovano gli esempi migliori di questa tradizione dell'arte della medaglia.

© www.ciclovia-alpeadria-radweg.eu

Buja

Comune adagiato sulle colline moreniche che sono considerate uno dei luoghi più belli del Friuli. Il paese è anche conosciuto per aver dato i natali a tanti incisori che hanno disegnato per la Zecca di Stato.

© www.ciclovia-alpeadria-radweg.eu

Chiesa di San Pietro Apostolo - Buja

Manufatto architettonico moderno, figlio della ricostruzione post sisma 1976. Orario visite: tutti i giorni dalle ore 8.00 alle ore 17.00.

© www.ciclovia-alpeadria-radweg.eu

Museo delle Fornaci Treppo Grande

Piccolo e interessante museo sulla locale attività dei locali fornaciai. Tempo medio di visita 1 ora.

© www.ciclovia-alpeadria-radweg.eu

Treppo Grande

Piccolo villaggio sulle pendici di uno dei colli morenici di origine glaciale che caratterizzano questa zona.

© www.ciclovia-alpeadria-radweg.eu

Torre e chiesetta di Sant’Andrea - Mels

Luogo raccolto e mistico, ma dai panorami indimenticabili. Orario visite: sabato e domenica dalle ore 9.30 alle 17.00.

© www.ciclovia-alpeadria-radweg.eu

Rovine del Castello di Caporiacco

Faceva parte del sistema difensivo delle colline moreniche. Purtroppo il sisma del 1976 si è particolarmente accanito sulle sue mura. Visitabile solo l'esterno.

© www.ciclovia-alpeadria-radweg.eu

Castello di Colloredo di Monte Albano

Un gioiello stilistico e architettonico che è ancora in corso di restauro dopo il sisma del 1976 ma che già presenta squarci di grande suggestione. In questo castello appartenuto alla nobile famiglia Nievo, visse uno dei più noti letterati e patrioti italiani: Ippolito Nievo.

© www.ciclovia-alpeadria-radweg.eu

Chiesa dei Santi Andrea e Mattia a Colloredo di Monte Albano

Suggestiva chiesa di paese dallo stile semplice ma espressivo. Visitabile nel periodo estivo, la domenica dalle ore 15.00 alle ore 18.00.

© www.ciclovia-alpeadria-radweg.eu

Cassacco e il suo castello

La sua storia è legata al fatto di essere sorto fra la via Julia-Claudia che andava verso il Norico (per i romani i paesi del Nord) e quindi era su una strada i grandi traffici commerciali.

© www.ciclovia-alpeadria-radweg.eu

Tricesimo

Tricesimo è situato ai piedi delle prime colline moreniche, formate dall'antico ghiacciaio del Tagliamento.

© www.ciclovia-alpeadria-radweg.eu

Museo di Storia Contadina di Pagnacco

Due edifici contadini ospitano il Museo di Storia Contadina: questo territorio faceva parte parte dell'antico feudo di Fontanabona.

© www.ciclovia-alpeadria-radweg.eu

Udine

Città di fondazione preistorica, trovò il suo massimo splendore sotto con Venezia che ne ispirò il carattere commerciale e i nobili palazzi del centro. Giovanbattista Tiepolo, uno dei più significativi pittori veneziani, vi operò a lungo producendo così tante opere che Udine prese il nome di Città del Tiepolo. È caratterizzata dalle tipiche e accoglienti osterie.

empty

Museo friulano della fotografia - Udine

L'esposizione del Museo friulano della fotografia, al III piano del Castello di Udine, si articola in tre sale.

empty

Museo Archeologico - Udine

Formatosi nel XIX secolo per lasciti e donazioni, il museo archeologico di Udine comprende una ricca collezione di materiali aquileiesi (proveniente dagli scavi nelle necropoli dei fondi di Toppo), tra cui spiccano le ambre e centinaia di oggetti di vetro e ceramica.

empty

Galleria d’arte antica - Udine

L'acquisizione di opere da Istituzioni religiose cittadine o per importanti lasciti di privati ha consentito, a partire dalla seconda metà dell'Ottocento, la nascita della Pinacoteca arricchitasi in seguito anche grazie ad acquisti mirati.

© www.ciclovia-alpeadria-radweg.eu

Piazza Libertà di Udine

Un capolavoro di venezianità: dalla loggia del Lionello al loggiato di San Giovanni al portale di accesso al Castello la cui imponente sagoma domina bonariamente sulla piazza. Dicono sia una delle più belle d'Italia.

© www.ciclovia-alpeadria-radweg.eu

Museo Diocesano e Gallerie del Tiepolo

Il "Museo Diocesano e Gallerie del Tiepolo" ha sede nel Palazzo Patriarcale di Udine dal 29 aprile 1995. Il Palazzo, di struttura settecentesca - anche se poggia le sue radici nel Quattrocento - fu dal 1593 al 1751 la residenza dei Patriarchi d'Aquileia e oggi dell'arcivescovo.

empty

Palazzo Arcivescovile di Udine

Il Palazzo Arcivescovile, in Piazza Patriarcato, è sicuramente uno dei palazzi più importanti e conosciuti della città di Udine. Si trova nelle vicinanze di Piazza Primo Maggio a pochi passi dal centro storico.

© www.ciclovia-alpeadria-radweg.eu

Casa Cavazzini. Museo d'arte moderna e contemporanea

Casa Cavazzini, nel centro storico di Udine, è un complesso cinquecentesco ristrutturato con lo scopo di diventare un nuovo contenitore culturale per la città di Udine.

© www.ciclovia-alpeadria-radweg.eu

Oratorio della Purità di Udine

Un gioiello nascosto fra i palazzi al cui interno si respira la potenza e la bellezza del barocco. L'Oratorio della Purità si trova a lato del Duomo di Udine verso sud all'incrocio con via San Francesco.

© www.ciclovia-alpeadria-radweg.eu

Museo del Duomo – Cattedrale di Udine

Il museo del duomo di Udine, dedicato al Patriarca Beato Bertrando di Saint-Geniès che qui riposa dal 1350, ha sede nelle trecentesche cappelle di San Nicolò e del Corpo di Cristo e nel contiguo battistero.

© www.ciclovia-alpeadria-radweg.eu

Il Duomo di Udine

Il Duomo di Udine è un imponente edificio gotico medievale, la cui austera bellezza affascina il visitatore.

© www.ciclovia-alpeadria-radweg.eu

Palazzo Valvason Morpurgo

Il Palazzo Valvason Morpurgo a Udine storico palazzo che ospita esposizioni temporanee di fotografia e architettura.

© www.ciclovia-alpeadria-radweg.eu

Museo Etnografico del Friuli

Se si vuole conoscere la storia della popolazione friulana questo è il posto giusto. Collocato nello storico Palazzo Giacomelli appena restaurato è uno dei simboli del pittoresco e medievale Borgo Grazzano.

Pianifica il viaggio on demand

Una piattaforma semplice e intuitiva per scegliere quanta strada fare e quando.

Assistenza continua

Siamo al tuo fianco dal principio alla fine del tuo viaggio. E anche dopo.

Prenota in modo sicuro

Ogni passaggio è chiaro e intuitivo, e le soluzioni sono tutte flessibili e personalizzabili.

Italian style

Le nostre e-bike sono il top level del made in Italy per un viaggio in pieno comfort.

Prenota la tua e-Bike

Controlla la disponibilità delle nostre e-bike.
Seleziona un luogo di ritiro ed uno per la consegna, inserisci le date e l’ora.
Avvia la ricerca e seleziona il tuo modello preferito, aggiungi gli accessori di cui avrai bisogno.
A tutto il resto pensiamo noi!

Controlla disponibilità delle eBikes

  • Available
  • Unavailable